Milo Infante

blog personale

Il fatto del giorno

Festa del lavoro Auguri di cuore a chi lo cerca

Il primo maggio è la festa dedicata ai lavoratori e alle battaglie che hanno combattuto per difendere il loro diritto a lavorare. Lavorare per un giusto stipendio e nel rispetto della loro sicurezza e dignità. Diritto a non essere sfruttati, affamati, licenziati per le loro idee e ciò in cui credono.
L’Italia del lavoro, mai come in questo momento, soffre. Soffre di mancanza di lavoro. Il tasso generale ha superato l’11%,  la disoccupazione giovanile ha raggiunto il 38,4% e continua ad aumentare. Nel nostro Paese l’Istat ci dice che sono 650 mila i giovani tra i 15 e i 24 anni in cerca di un’occupazione. Per non parlare delle  donne, altra categoria di lavoratori altamente a rischio. Provate a fare un figlio e a tornare a lavorare: più facile a dirsi che a farsi. Nido solo a pagamento (ma che fine hanno fatto quelli aziendali?) part time difficile da ottenere, ruoli dirigenziali di fatto preclusi. E ancora a chi un lavoro lo perde, e magari ha più di 40 anni. 
Per tutti possibilità di trovare un lavoro? Poche, purtroppo, almeno finché il governo non capirà che tassare, tagliare  e penalizzare sono azioni che non favoriscono l’occupazione. Pagare i debiti accumulati con le imprese, ridurre le tasse, combattere senza pietà evasori fiscali e chi costringe a lavorare in nero o per due soldi, questi sono interventi che non possono e devono essere rimandati.
Pensate, solo per fare un esempio proprio di ieri, a quella importante società operante nel settore pubblicitario, la Fma,  con sede a Milano, accusata dalla Gdf di aver impiegato 710 lavoratori irregolari, tutti italiani. Secondo le verifiche dei finanzieri, i lavoratori risultavano falsamente regolarizzati da una società cooperativa con sede a Livorno, ma in realtà erano tutti precari, pagati 6-8 euro all’ora e impiegati per la realizzazione di numerose campagne promozionali per importantissimi (e ignari)  clienti. Qualche esempio? Pepsi, Star, Biffi, Msc Crociere, Kodak, Coca cola, Sky, Walt Disney e Telecom. Tra il 2010 e il 2012, avrebbe fatto lavorare in modo precario persone tra i 20 e i 60 anni come promoter in vari centri commerciali siti nel Nord Italia (Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia e Veneto), per periodi ricompresi tra i 2 ed i 5 giorni con orario medio pari a otto ore giornaliere, per una retribuzione che non supera i 50 euro al giorno. Se non è sfruttamento questo…
In Italia c’è ancora tanto da fare. Non esiste una legge contro il mobbing, tanto per fare un esempio. E i sindacati inevitabilmente finiscono con il pensare solo a chi un lavoro ce l’ha già, e così gli “altri”, i disoccupati, si ritrovano sempre più soli e deboli. 
Guardiamo al nostro passato pensando al futuro e non dimentichiamoci mai che il lavoro è  diritto, e come tale, a volte, occorre combattere per difenderlo.
Auguri  a tutti. Ma soprattutto a chi un lavoro, in questo momento, combatte per difenderlo oppure lo sta cercando

1 commento

  1. Lilli Ascoli Felici - mercoledì, 1 maggio 2013, 10:21 am

    Lavoro e Rispetto Vanno a Braccetto
    Se Si perde questa Autonomia
    Inizia inevitabilmente un Degrado Fisico e Mentale
    Auguriamoci al più presto una ripresa per i Giovani e per Tutti NOI
    Auguri per chi Lotta per la Dignità dei Lavoratori e delle Lavoratrici Madri che nel doppio Ruolo sono da Sostegno
    All’Umanità Intera
    LILLI

Lascia un commento

Ti preghiamo di mantenere i toni della discussione nei limiti di buona educazione e nitiquette