Milo Infante

blog personale

Il fatto del giorno

La maglietta della Concordia e il reato di stupidità

Ci mancava giusto la maglietta con la Costa Concordia che affonda per dare ragione a chi sostiene  che la nostra società è ormai in declino. Non bastavano le foto ricordo sugli scogli dell’Isola del Giglio con la nave ormai sommersa e la terribile conta dei morti ancora in corso, con i sommozzatori  che rischiavano la vita nel tentativo di restituire i corpi delle vittime (32 compresa Dayana una bimba di 5 anni) ai parenti in attesa sul molo. Ci voleva proprio una bella maglietta ricordo, in vendita in un negozio di Castiglione della Pescaia, con l’immagine della Concordia mentre affonda, per ribadire quanto siamo creativi e simpatici in Italia. Una simpaticissima maglietta-ricordo venduta accanto a decine di altri esempi di italica genialità recanti scritte del tipo “Finché c’è pancia c’è speranza” che mi sono sempre chiesto se qualcuno ne abbia mai comprata una. Mah.maglietta concordia1

Ad ogni modo “l’imprenditore” che ha deciso di stampare la maglietta della Concordia è in buona compagnia. Ricorderete in tempi recenti altri esempi di creatività geniale made in Italy: la simpaticissima maschera di carnevale dello Zio Michele con tanto di corda-arma del delitto in mano e, sempre in tema di Concordia, la buffissima carrozzina-Concordia con cui portare il pupo a spasso vestito ovviamente da capitan Schettino. Complimenti vivissimi, verrebbe voglia di ridere se non ci fossero dei morti da piangeremaschera zio michele

D’altronde Einstein l’aveva detto: la differenza tra genio e stupido è che il genio ha dei limiti, lo stupido no. E purtroppo cattivo gusto e stupidità non sono dei reati, anche perché se così non fosse ci sarebbe un sacco di gente in galera, su questo non ci sono dubbi. Anche se vi confesso che, in qualche occasione, mi piacerebbe vedere qualcuno passare un po’ di giorni in galera, tanto  per riflettere sulla loro stupidità.

La fine (speriamo) di questa vergognosa vicenda la racconta il sindaco di Castiglione della Pescaia, Giancarlo Farnetani, a sua volta informato dell’accaduto dal sindaco dell’Isola del Giglio, Sergio Ortelli. “Le magliette sono state ritirate”, ha comunicato non senza soddisfazione Farnetani.carnevale_schettino_culla_bimbo-300x245 E a seguire il suo collega Ortelli: “Una dimostrazione di grande  il primo cittadino. “Una dimostrazione di grande sensibilità da parte del commerciante sensibilità da parte del commerciante e dell’Amministrazione Comunale, che ringraziamo, – spiega il sindaco Ortelli – che dimostra come in tutto il nostro territorio maremmano sia ancora viva la tragedia e che per certi tipi di iniziative, seppur legittime, non siano ancora maturi i tempi».

Proprio così, avete letto bene. Sensibilità di un commerciante che espone una maglietta infame, e “tempi maturi” che non sono ancora arrivati per iniziative del genere.

Einstein aveva proprio ragione, non c’è dubbio

1 commento

  1. Lilli Ascoli Felici - domenica, 30 giugno 2013, 09:58 am

    Se Pensiamo alla Maschera di carnevale per Bimbi ispirata allo “zio michele”
    Senza Vergogna e Ritegno
    Vilipendio di una Strage
    anche di Malaugurio per chi l’indossa

Lascia un commento

Ti preghiamo di mantenere i toni della discussione nei limiti di buona educazione e nitiquette