Milo Infante

blog personale

Il fatto del giorno

La ministra Idem non paga l’Imu Ma per Letta Tutto Ok

Ci risiamo: ancora un politico che, a sua insaputa, finisce nelle mani di un malvagio commercialista che gli fa evadere le tasse, un perfido imprenditore che lo porta  in vacanza gratis e in più gli  sistema moglie/figli/nipoti e parenti fino al terzo grado di parentela, un bieco compagno di partito che gli paga l’affitto o praticamente gli fa regalare una casa. Per non parlare dell’esercito di quelli che il portafogli non lo estraggono praticamente mai: dagli stadi agli aeroporti è lungo l’elenco dei privilegi di cui la Casta ha saputo circondarsi in questi anni.

casa-palestra-josefa-247681

L’ultimo caso, tanto per cambiare, riguarda una casa e un ministro: Josefa  Idem, campionessa tedesca naturalizzata italiana dopo aver sposato il suo allenatore, oggi ministro per le Pari Opportunità e lo Sport. Una vicenda che, racconta il quotidiano Libero riprendendo inchieste di giornali locali, ha inizio nel 2008 quando la ministra smette improvvisamente di abitare con marito e figli e dichiara sua prima abitazione la palestra accanto a quella che dovrebbe essere la casa coniugale. Una svista? L’aberrazione del già citato perfido commercialista? Sta di fatto che, ricordiamo bene “a sua insaputa”  la ministra evita di pagare l’Imu e vive felice e inconsapevole nel suo errore almeno fino a quando i giornali locali non se ne accorgono e cominciano a fare domande scomode. Siamo agli inizi di giugno, e più precisamente il 3 giugno 2013, data in cui viene presentata una richiesta di “ravvedimento”  esattamente 3 giorni dopo l’inizio delle inchieste giornalistiche, con una tempistica quanto mai sospetta, affermano gli oppositori del ministro che si spingono anche ad ipotizzare abusi edilizi nella palestra/abitazione. Vedremo, non è certo questo il punto. Piuttosto quello che colpisce è che ancora una volta assistiamo a delle vicende quantomeno ambigue che investono ministri della Repubblica, uomini e donne che dovrebbero, con il loro esempio e il loro lavoro, contribuire a creare un’Italia  migliore. E che invece, come nei peggiori cliché, finiscono col rappresentare il lato oscuro del nostro Paese, fatto di furbizie, arroganza, prosopopea, omertà e corporativismo. In queste ore intorno alla ministra Idem si sono concentrati gli attacchi degli avversari politici che ne chiedono le dimissioni ricordando come proprio in Germani, terra natia della Idem politici si sono dimessi per molto meno, e ovviamente la solidarietà dei suoi compagni di partito, seguendo lo schema classico del “Viva noi, Abbasso voi”.idem-letta-foto-228499

Enrico Letta, il giovane Presidente del Consiglio a capo di una squadra di giovani  che ambisce al ruolo di “carini e coccolosi” almeno quanto “ bravi ed efficaci” questa mattina ha dichiarato di aver fiducia nel suo ministro per le Pari Opportunità. Chissà se gli Italiani la pensano allo stesso modo. Forse qualcuno ha semplicemente telefonato al proprio commercialista in vista delle prossime scadenze fiscali.

1 commento

  1. Carlo2013 - giovedì, 20 giugno 2013, 07:02 pm

    BRAVO MILO! CIAO!

Lascia un commento

Ti preghiamo di mantenere i toni della discussione nei limiti di buona educazione e nitiquette