Milo Infante

blog personale

Il fatto del giorno

Lui quasi l’ammazza Lei lo perdona: “Lo amo da morire” Speriamo si sbagli

Avere vent’anni, finire in ospedale con la milza spappolata per le botte ricevute dal proprio compagno nonché padre di suo figlio. Ancora a letto,  senza milza e in prognosi riservata, ma con tanta voglia di perdonare e di ricominciare la vecchia vita di sempre, fatta di serate trascorse sul divano della tavernetta, e pazienza se ogni tanto lui, imprenditore di 27 anni di Casal di Principe,  perde le staffe e vola qualche schiaffo. E’ già accaduto in passato, storie di gelosia mai completamente superate, fino a sfociare in una litigata peggiore delle altre, la settimana scorsa, quando oltre ai soliti schiaffi è partito anche un calcio di troppo. Per Rosaria un letto d’ospedale, due interventi d’urgenza (addio alla milza, spappolata con conseguente emorragia interna) e prognosi ancora oggi riservata. Per lui  invece, l ‘imprenditore,  si aprono le porte del carcere con l’accusa di tentato omicidio.

Lei si mostra ai giornalisti e ai fotografi de “Il Corriere del mezzogiorno”, non ha lividi in faccia e sulle braccia: “ecco vedete, non è vero che mi ha picchiata”, dice ai giornalisti. “L’ho perdonato, sto male al pensiero che sia rinchiuso in carcere. Non voglio che Antonio resti ancora lì dentro. Lo so che non si è reso conto di quello che mi ha fatto e voglio tornare con lui, mi mancano le nostre serate in tavernetta». Spera che con le sue parole lui, l’imprenditore, possa uscire dal carcere.

A noi, per il suo bene,  non resta che sperare che il giudice non si faccia convincere

 

 

4 commenti

  1. anna maria - lunedì, 20 maggio 2013, 04:55 pm

    MA STA RAGAZZA VIVE FUORI DAL MONDO? DAVVERO MASOCHISTA …E POI NON PENSA AL SUO BAMBINO ? NO MI DISPIACE MA QUESTO NON E’ AMORE!!!

  2. monica - lunedì, 20 maggio 2013, 09:17 pm

    Proprio da morire. Ma perche’ le donne non vogliono capire quando un uomo e’ un violento????????????

    1. Milo - lunedì, 20 maggio 2013, 09:29 pm

      Mah, c’è chi sostiene che di norma hanno alle spalle storie di violenza… Comunque sia devono essere aiutate e non lasciate sole

  3. Alice - lunedì, 20 maggio 2013, 09:28 pm

    Non è davvero amore, e di ragazze così c’è ne sono tante, accanto alla porta. Ho visto amare così, ma la donna che ho visto mi sembrava più disperata dell’uomo che picchiava, come se avesse disperato bisogno di essere amata in ogni caso e comunque. Come mai tanta violenza perdonata, giustificata e voluta?

Lascia un commento

Ti preghiamo di mantenere i toni della discussione nei limiti di buona educazione e nitiquette